MateraGrumentum - Tanti i "no" ai club di Serie D: la squadra sposa ancora una volta i colori biancoazzurri. I motivi

Scritto da Roberto Chito  | 
La squadra biancoazzurra, FOTO: SANDRO VEGLIA

Alla fine hanno scelto Matera. Hanno rifiutato le lusinghe di molti club di Serie D e hanno deciso di continuare a vestire la maglia biancoazzurra. Segnale che la squadra messa in piedi in estate, sulla carta, ha tutto per poter essere all’altezza della situazione. I ds Mastroberti e Pace, in estate hanno messo in piedi una squadra importante per la categoria. Con il mercato chiuso venerdì scorso, per qualche ora si pensa esclusivamente al campo, anche se si sa bene che le vere trattative vengono intavolate proprio a fari spenti.

Quando hai una squadra importante per la categoria, con giocatori anche di serie superiore è normale che vengono a bussare alla tua porta. La società, ha sempre detto che fino a dicembre non avrebbe toccato nulla. Anche perché, grandi problemi non ci sono mai stati. La squadra, a parte il blackout di Montescaglioso in tutte le altre partite ha risposto presente. Dunque, meglio non toccare nulla adesso. E anche i giocatori hanno scelto di restare a Matera. Perché con tutto il rispetto per altre piazze e società, ma disputare un campionato di Eccellenza con la maglia biancoazzurra ha sicuramente un fascino diverso. E così, viene meno anche la voglia di accettare qualche proposta in Serie D, consapevoli che la quarta serie può essere conquistata da protagonisti e giocarla la prossima stagione.

Tanti i giocatori che hanno ricevuto offerte importanti. Falco, Lacarra e Gerardi avevano la possibilità di accasarsi in Serie D ma hanno preferito declinare l’invito e restare in biancoazzurro. Giocatori che hanno dimostrato il proprio valore e che potevano essere una freccia in più nell’arco di qualsiasi squadra. Stessa occasione che aveva avuto l’under Latorre. Il giovane centrocampista, in questo inizio di stagione sta facendo davvero bene. Un 2002 che in mezzo al campo sta dimostrando una visione di gioco davvero importante. Anche lui ha deciso di restare a Matera, convinto che questo progetto può contribuire alla propria crescita.

Ovviamente non bisogna nemmeno sottovalutare il fatto della probabilità di scendere in campo. Magari nella Città dei Sassi sono un punto fisso, altrove chissà. Non ultimo, anche il fattore economico. Perché questa squadra ha un monte-ingaggi da Serie D come ha sottolineato più volte la società. E in categorie come l’Eccellenza questi fattori non sono mai scontati. Segnale ulteriore di un progetto serio che continua ad attirare giocatori e quelli che già ne fanno parte non hanno assolutamente voglia di lasciare il biancoazzurro.