MateraGrumentum - Finamore: "Ripartiamo da due aspetti. Marconia? Ecco cosa non dobbiamo fare"

Scritto da Roberto Chito  | 
Il tecnico Antonio Finamore, FOTO: SANDRO VEGLIA

"Questa squadra ha tirato fuori una solidità e una solidarietà straordinaria. Questo è un aspetto che ci rimane e dal quale ripartiamo. Ci dispiace essere usciti dalla Coppa. Il calcio, però, è questo. Si accettano le vittorie così come le sconfitte. Se c’era un modo di uscire credo che questo era il modo migliore per farlo. Abbiamo avuto la consapevolezza di essere una squadra solida". Sono le parole del tecnico Antonio Finamore nella conferenza stampa di vigilia del match contro l’Elettra Marconia di domani pomeriggio.

SULLA COPPA: "Abbiamo giocato quasi 90 minuti in inferiorità numerica. Tolti i primi minuti che ci servivano per organizzarci, abbiamo un po’ sofferto inizialmente. Abbiamo solamente rischiato in due occasioni, in un momento del match in cui dovevamo riposizionarci. Una volta avvenuto questo non abbiamo mai più rischiato. Abbiamo tenuto benissimo bene il campo. Tatticamente abbiamo scelto di dar loro il possesso palla senza la possibilità di farci male. Abbiamo rischiato pochissimo. Noi con lo 0-0 eravamo qualificati, quindi non c’era bisogno di andare a disperdere ulteriori energie".

SULLA SQUADRA: "Sta crescendo partita dopo partita. Il trend delle azioni costruite e subite è sempre più migliore a nostro favore. Il gruppo lavora con grande applicazione. Bene così, siamo contenti. Cambiamo gli interpreti ma le risposte sono sempre le stesse. Ho una grandissima fiducia di questo gruppo. Tutti lavorano bene. Non sono parole, perché viene tutto dimostrato attraverso i fatti. Anche mercoledì, quando giocatori di grandi qualità sono stati chiamati a fare gli straordinari hanno risposto al massimo, trasformandosi in gregari. Tutti siamo concentrati su quello che dobbiamo fare. Accettiamo la sconfitta di Coppa ma andiamo avanti, consapevoli di quello che possiamo fare".

SULL’ELETTRA MARCONIA: "Squadra molto ostica. Ha una caratteristica ben precisa: è composta da sette uruguayani e due argentini con la cosiddetta "garra". Una squadra che farà la guerra e che ci aspetterà lì. Quello che non dobbiamo fare noi è farci trascinare in tutto questo perché siamo una squadra tecnica. Dobbiamo sfruttare le nostre caratteristiche al meglio evitando di andare nelle loro gabbie. Sicuramente il campo non ci aiuterà. Però, ripeto: la partita di mercoledì mi fa stare tranquillo. Perché questa squadra ha dimostrato che quando c’è da stringere i denti lo si fa senza problemi. Sono convinto che scenderemo in campo per lottare e giocare la nostra partita".

SUGLI INFORTUNATI: "Dinielli è in recupero. Sta recuperando da questo stiramento e settimana prossima potremmo avere già notizie confortanti per il suo ritorno in campo. Per Martinez, invece, l’infortunio è meno grave di quanto si temeva. Si tratta di una elongazione. Ha recuperato e a breve sarà nuovamente in gruppo. Devo dire che chi in questo momento sta giocando al posto di chi è infortunato sta giocando delle partite importanti".