Fc Matera - Petraglia a MS24.it: "Piedi per terra ma vogliamo far bene. Mercato? Ecco su quali profili stiamo puntando"

Scritto da Roberto Chito  | 
Il presidente Antonio Petraglia, FOTO: MATERASPORT24.IT

"Tutto questo silenzio ha una risposta: purtroppo nelle ultime settimane non sono stato bene. Ho avuto il Covid ad inizio luglio, anche con sintomi forti. E a distanza di qualche settimana è rimasto ancora qualche strascico. A questo, si sono aggiunti alcuni problemi famigliari negli ultimi giorni. Dunque, la mia non presenza ha questi motivi. Dispiace se è stata mal interpretata da qualcuno. Adesso, però, siamo ripartiti e stiamo costruendo la squadra per questa nuova stagione". Sono le parole del presidente Antonio Petraglia che a MateraSport24.it fa il punto della situazione, analizzando diversi aspetti.

"Sono davvero felice e soddisfatto per la scelta di Riccardo Bolzan come direttore sportivo. Lo dico a distanza di alcuni giorni, perché ho visto come opera e come agisce. Davvero un bel profilo, giovane e motivato. Abbiamo deciso di affidarci a lui per le ottime referenze avute e per il grande lavoro fatto con la Nocerina. Abbiamo scelto un profilo completamente indipendente dal territorio. Lavora ventiquattrore al giorno e vuole fare le cose in un determinato modo. Devo dire che non potevamo fare migliore scelta per poter costruire la squadra in vista del difficile campionato di Serie D. Poi, ci sta orientando a scelte importanti, scegliendo i profili giusti che possano essere conformi al nostro progetto. Lui non valuta solo i nomi, ma anche le motivazioni. Non stiamo cercando il colpo ad effetto in questi giorni ma i giusti giocatori che possano permettere al Matera di disputare un ottimo campionato", continua il massimo dirigente dei biancoazzurri.

Matera si riaffaccia alla Serie D dopo diversi anni e dopo l’ultimo fallimento. Quale obiettivo per questa stagione? Petraglia è chiaro: "Dobbiamo disputare un bel campionato, esprimendo un bel gioco. Dobbiamo partire dal presupposto che siamo una neopromossa e fare proclami non serve a niente. Non parlerei di obiettivi, non userei nemmeno la parola salvezza come traguardo minimo. Sono convinto che il ds Bolzan allestirà una squadra in grado di dire la propria su tutti i campi. Non dobbiamo prendere giocatori solamente per il gusto di farlo. Non dobbiamo nemmeno farci sopraffare dalla fretta. Servono i profili giusti che vengano a Matera con entusiasmo e motivazione per dare a questo progetto il giusto contributo".

Al momento, la rosa è formata dal solo Figliomeni ma Petraglia promette nuovi innesti: "Sicuramente non andremo in ritiro con la rosa al completo, come giusto che sia. Il ritiro sarà una sorta di casting, soprattutto per valutare alcuni profili e capire se eventualmente ci servirà altro. Nelle prossime ore arriveranno altri giocatori. In Val d’Agri metteremo su la giusta energia. Completeremo la rosa con i giusti innesti, senza avere fretta. Magari ci terremo aperto qualche spazio per poi andare ad inserire giocatori che non avranno trovato posto in Serie C. Bolzan poi, sta facendo un ottimo lavoro sugli under".

Da MateraGrumentum a Football Club Matera. Il nuovo corso parte ma c’è tanta emozione per Petraglia: "Ho captato gli umori della piazza e ho deciso di rispolverare il nome storico, l’esperienza mi ha portato a questo. Permettetemi anche una piccola lacrimuccia. Perché scompare il nome Grumentum, club che ho gestito per anni con tante soddisfazioni. Però, sono davvero onorato di aver riportato in auge la denominazione Football Club Matera. So bene cosa significa questo nome e il valore che ha. Adesso bisogna solamente onorarlo".

Chiosa finale sul discorso società: a che punto sono i contatti con gli imprenditori materani? Petraglia fa il punto della situazione: "Purtroppo per le note vicende delle ultime settimane, c’è stato un rallentamento perché non ci siamo potuti più incontrare. Al momento, siamo in una fase di stand-by. Però, i colloqui che avevo avuto in precedenza erano positivi. Al di là di tutto, Matera apprezza il nostro progetto e adesso ognuno è chiamato a fare la propria parte per il bene del club biancoazzurro".