Fc Matera - Vicente a MS24.it: "Colpito quando ero avversario. Obiettivi? Progetto importante, ma è troppo presto"

Scritto da Roberto Chito  | 
Il centrocampista Bruno Vicente, FOTO: FONTE WEB

“Il primo impatto con Matera l’ho avuto qualche anno fa da avversario, quando i biancoazzurri erano in Serie C e l’ho affrontata tante volte. E ogni volta che venivo a giocare qui, sentivo sempre un’atmosfera particolare, mi piaceva molto l’energia che c’era allo stadio. Anche questi aspetti mi sono venuti in mente prima di prendere una decisione”. Chiarissimo, il centrocampista Bruno Vicente che a MateraSport24.it parla dei motivi che lo hanno indotto a dire sì ai biancoazzurri, oltre alle prime impressioni dopo i primi giorni di allenamenti.

“Sta nascendo un progetto importante. Il ds Bolzan è stato bravo a trovare giovani di qualità che per un campionato come la Serie D è fondamentale. Poi, ha portato a casa anche importanti tasselli d’esperienza. Dunque, c’è un bel mix. Però, dire oggi dove si può arrivare fra sette-otto mesi è impossibile. Strada facendo, come in tutti i progetti, si capisce dove si può arrivare e in quanto tempo. Al momento abbiamo giocato solamente una partita, quindi il cammino è ancora molto lungo. I giovani? Cerco di dar loro quello che volevo io alla loro età. L’importante è essere sempre pronti ad aiutarli con un consiglio, magari facendo capire loro gli errori che commettono. Però, credo che anche noi più esperti dobbiamo sempre avere l’umiltà di poter apprendere anche dai più giovani, nonostante abbiamo vissuto più situazioni di loro in carriera”, continua il centrocampista brasiliano sul primo impatto con il mondo biancoazzurro.

Vicente, poi, entra più nello specifico della scelta: “Ci sono tanti motivi per i quali ho accettato Matera. Credo che uno dei principali sia stata la comprensione reciproca che c’è stata alla prima chiamata con il ds Bolzan. Questo è stato un aspetto fondamentale per scegliere Matera. I primi giorni? Ho avuto un’impressione molto positiva sulla squadra. Ho trovato dei ragazzi che hanno grande voglia di sacrificarsi e di aiutarsi l’uno con l’altro. Questo è un aspetto fondamentale. In questo modo, alla fine, verranno fuori tutte le qualità come capitato a Molfetta. Si deve sempre mettere il gruppo davanti al singolo. Se riusciamo a farlo sempre, possiamo davvero toglierci delle belle soddisfazioni”.

Nel 3-5-2 di Finamore, in quale zona del centrocampo potremo vedere Vicente? Il centrocampista è chiaro: “Sono nato come regista ma nella mia carriera ho ricoperto più posizioni. Mi metto a disposizione del mister, come giusto deve essere. Darò il massimo per quello che mi sarà chiesto. L’intenzione è quella di aiutare la squadra, dentro e fuori dal campo. Bisogna sempre dare una mano, in tutti i sensi. I compagni di reparto? Sono giocatori con qualità, e soprattutto tutti ragazzi per bene che sono disponibili al sacrificio. Queste sono le caratteristiche più importanti per un giocatore”.

Prima settimana a lavoro con i biancoazzurri: “Sono arrivato a Matera solamente sabato sera, dopo un lunghissimo viaggio dal Brasile. Ovviamente, rispetto al resto della squadra sono un po’ indietro. Però, mi sono comunque allenato in patria in questi mesi. Sicuramente ci metterò poco per poter arrivare quantomeno vicino alla condizione dei miei compagni. Stiamo lavorando già su questo, tant’è che domenica sarò a disposizione. Poi, ovviamente toccherà al mister decidere e come e quanto impiegarmi in campo”.

Un campionato davvero incredibile, quello che è appena partito. E Vicente, lo descrive così: “Il Girone H è un torneo molto difficile ed equilibrato. Quest’anno, poi, lo ritengo ancora migliore dell’anno scorso. Sarà un torneo difficile e molto lungo per tutti. Però, sono sicuro che possiamo fare un buon campionato e toglierci le nostre soddisfazioni”.