Il direttore sportivo Angelo Mastroberti, FOTO: MATERASPORT24.IT
L'Intervista

MateraGrumentum - Mastroberti a MS24.it: "Calendario, non fortunati. Vogliamo scrivere una piccola pagina di storia: l'obiettivo è chiaro"

"Il mio obiettivo principale è quello di riconquistare i materani e di riportarli allo stadio. Questo vorrà dire che staremo anche vincendo questo campionato. Vorremmo scrivere una piccola pagina di storia. Il nostro obiettivo è quello di essere la società che riporti Matera in un campionato nazionale. Se non ci facciamo del male da soli, abbiamo tutto per farcela". Sono le parole di Angelo Mastroberti, direttore sportivo dei biancoazzurri che a MateraSport24.it, oltre a commentare la stesura dei calendari fa anche un punto della situazione.

"Sul calendario non siamo stati fortunati all’inizio. Però, nelle prime giornate ci sono già belle partite. Il calendario è sempre un’arma a doppio taglio. Abbiamo beccato alcune dirette concorrenti all’inizio. Se come ci auguriamo andrà bene, prenderemo autostima ed un vantaggio importante. L’esordio in casa? Affrontare subito il Melfi ci farà capire di che pasta siamo fatti. Vedremo anche il pubblico come risponderà. È una partita entusiasmante per tutti noi, soprattutto per la squadra. Perché quando glielo comunicato erano già galvanizzati e non vedevano l’ora di scendere in campo. Prima, però, abbiamo il Brienza e non dobbiamo commettere l’errore di sottovalutare questa partita. Sicuramente sarà un’incognita importante. Loro vorranno ben figurare. E soprattutto, dopo le otto reti segnate contro il Policoro, tutte saranno più accorte perché non vorranno prendere goleade. Noi non dobbiamo avere nessuna presunzione", continua il direttore sportivo biancoazzurro sul calendario uscito quest’oggi.

Una squadra che la società biancoazzurra è riuscita a confermare in lunga parte: "Non è stato difficile riportare a casa i giocatori dell’anno scorso perché Matera ha il suo fascino e tutti i giocatori vogliono sempre lottare per il massimo obiettivo. È stato positivo che molte pedine hanno giocato in altre squadre, perché rispetto a chi è stato fermo dieci mesi, erano più rodati. Le riconferme? Era già nei patti iniziali che sarebbero tornati da noi una volta terminata la stagione. Non è stato assolutamente difficili riportarli a Matera. Come non è stato difficile portare qui tanti ottimi giocatori come Lacarra e Dinielli che hanno disputato categorie molto importanti".

"Sulla carta, questa è una squadra da metà classifica in Serie D. Lo dico senza presunzione, perché non lo sono. Però, la storia di ogni singolo giocatore parla chiaro. La parte difficile è proprio adattarsi alla categoria. Perché capita spesso quando si scende di serie. Il rischio è quello di appiattirsi invece di prendere per mano i compagni e farli salire di livello. Non è il caso nostro. Chi è venuto qui sono professionisti. Poi hanno già trovato un’intelaiatura di squadra molto importante. Amalgamare il tutto non è stato difficile. Noi siamo davvero fiduciosi", continua Mastroberti.

Rosa sicuramente importante per una categoria come l’Eccellenza, ma dal mercato ci potrebbe essere ancora qualche innesto? Ecco la risposta del ds biancoazzurro: "La squadra va bene così, anche se si lascia qualche porta aperta. In determinati ruoli, anche a livello numerico ci potrebbe essere qualche aggiunta. Ruoli? A centrocampo mancherebbe qualche pedina un po’ più duttile per qualsiasi evenienza. Però, anche in difesa ci sono delle valutazioni. Abbiamo giocatori che possono ricoprire anche ruoli non loro in caso di necessità. Anche così, la rosa sta bene. Se capitano occasioni non ce le faremo sfuggire".

"Siamo tutti carichi ed entusiasti per riportare la Serie D a Matera. Non abbiamo nessun Piano B. Si tratta di una categoria che più si addice alla Città dei Sassi. Come conquistare i tifosi? Bisogna crederci. Se ad ogni partita portiamo trenta persone in più rispetto a quella precedente vorrà dire che staremo facendo bene. I risultati saranno fondamentali, però vorrei che la gente applaudisse anche le prestazioni. Aspetteremo se serviranno più settimane. Però, siamo fiduciosi che la gente possa credere nel nostro progetto", conclude Mastroberti.

CdS Matera- Ecco il calendario: derby tutti vicini e big match contro l'Oppido subito dopo. Tutte le partite
Cmb Matera - Hrkac: "Squadra davvero competitiva, voglio far bene qui". E Nitti: "Giocatore seguito a lungo"
Roberto Chito
Giornalista pubblicista dal 2016. Direttore responsabile di MateraSport24.it, sito d'informazione sullo sport materano con notizie in tempo reale e sempre aggiornate