Lo stadio XXI Settembre-Franco Salerno, FOTO: WIKIPEDIA.IT
La Copertina

Questione stadio - Il Comune apre le porte: un primo passo per la svolta. Quale sarà sarà il secondo adesso?

Le ruspe sono ancora lontane. E non è detto che con queste non si possa anche continuare a giocare. La situazione è appena all’inizio e le parole del sindaco Domenico Bennardi aprono una fase di dialogo piuttosto nuova. Lo aveva anticipato anche il presidente Antonio Petraglia a MateraSport24.it, parlando di una fase in stato embrionale e di un discorso avviato. Palazzo di città, ha sicuramente avuto il merito di aver chiamato le parti in causa, avviando un dialogo che possa fruttare a tutti.

Petraglia ha parlato della possibilità di vedere a Matera progetti simili che sono stati fatti in città come Udinese, Bergamo, Ferrara e adesso anche Firenze, realtà tanto cara al primo cittadino materano sulla quale ha basato la sua campagna elettorale. Modelli da prendere d’esempio perché oggi si viaggia su percorsi piuttosto standardizzare, senza improvvisare nulla. Al momento, possiamo parlare di una situazione in via embrionale. Bennerdi ha parlato di un doppio binario da percorrere, cercando di captare quale potrebbe essere il maggior beneficio per la città. Perché Un XXI Settembre-Franco Salerno moderno e al passo con i tempi e magari circondato con attività connesse può essere un ottimo contenitore di aggregazione per tutti i cittadini. La posizione, nel centro cittadino gioca un ruolo importante.

È facilmente raggiungibile, anche a piedi, anche dai più giovani. Diversamente, uno stadio fuori città creerebbe una serie di problematiche. Dove realizzare questa famosa cittadella dello sport? Al momento, non ci sembra che il Comune abbia delle idee chiare né un progetto da portare avanti. E proprio per questo è stato instaurato un dialogo che possa dare a Matera la migliore soluzione in vista del futuro. Rispetto all’idea di voler delocalizzare lo stadio in un’altra area, si avvia un processo che possa portare ad una soluzione condivisa. La speranza è che questo dialogo possa continuare e si possa procedere al secondo passo.

Il sindaco Bennardi ha fatto chiarezza, ovviamente in maniera super diplomatica senza sbilanciarsi da una parte o dall’altra. Un primo passo di una questione che non troverà una svolta dall’oggi al domani. Le ruspe, dunque, restano al loro posto. Ma attorno al XXI Settembre-Franco Salerno è arrivato il momento di fare una riflessione importante, perché lo stadio ha bisogno di un futuro nuovo, senza dimenticare il passato. Ma è giusto il tempo di renderlo un impianto moderno e confortevole.

Questione stadio - XXI Settembre, la nota di Bennardi: "Percorso di ampia partecipazione con tutti"
La pensiamo così - XXI Settembre, serve il secondo passo: quando un primo progetto?
Roberto Chito
Giornalista pubblicista dal 2016. Direttore responsabile di MateraSport24.it, sito d'informazione sullo sport materano con notizie in tempo reale e sempre aggiornate