Fc Matera - Ciullo: "Voglio una reazione, ecco cosa mi aspetto. L'esordio? Salire quelle scale sarà davvero speciale"

Scritto da Roberto Chito  | 
Il tecnico Salvatore Ciullo, FOTO: MATERASPORT24.IT

“Siamo consapevoli di affrontare una squadra costruita per vincere il campionato. Sappiamo le difficoltà e dobbiamo superarle con la massima attenzione e concentrazione. Serve un approccio importante al match. Sappiamo che siamo in un momento di difficoltà. Però, dobbiamo aumentare le forze, cercando di non abbatterci alle prime difficoltà. Dobbiamo cercare di arrivare il prima possibile ad essere competitivi per il nostro obiettivo”, esordisce così Salvatore Ciullo nella prima conferenza stampa pre-partita della sua avventura in biancoazzurro che partirà domani contro la corazzata Casarano.

“Sicuramente mi aspetto una reazione d’orgoglio, figlia del cambio in panchina. Anche a Francavilla, dove non ero presente, ho comunque visto una squadra che ha fatto una buona partita. hanno disputato un buon primo tempo, avendo occasioni importanti per far gol. Non ci sono riusciti, ma la prestazione è stata ottima. Poi, nel calcio un gol fatto o subito può cambiare tutto. A Francavilla, si è subito il gol ed è stato tutto in salita. Sulla squadra, quello che posso dire è che si è vista una buona applicazione. Li ho visti consapevoli del momento. Per questo andiamo in campo, sapendo che match ci aspetta e senza nasconderci. Dobbiamo dimostrare cosa sappiamo fare. Cosa mi aspetto? Voglio vedere nel momento di difficoltà quanto siamo bravi ad affrontarle e superarle. Logicamente bisogna conoscere la squadra in questo momento. Ovviamente saranno importanti anche i risultati. Però, a prescindere da questo è importante capire come la squadra risponde”, continua il neo-tecnico dei biancoazzurri.

Ciullo poi traccia un bilancio su quanto tempo serve per poter vedere la sua mano: “Abbiamo tanti giocatori ancora da recuperare. Il rammarico è proprio questo. Quando si subentra si cerca sempre di dare qualcosa in più dal punto di vista emotivo. Invece, con questa situazione, l’unico problema sono proprie le assenze. Poi, alla fine, ti trovi ad esordire contro un avversario di questo livello e noi abbiamo queste difficoltà. Però, l’unica strada è quella di guardare avanti. Quanto tempo serve? Mi auguro di recuperare il prima possibile tutti i giocatori infortunati. Prima li avrò a disposizione, prima potrò lavorarci, in modo da inserire delle idee e dei cambiamenti. Cose che non possa fare oggi, se non so che tempo di recupero hanno questi giocatori, tra l’altro tutti importanti”.

Prima da allenatore del Matera che per Ciullo ha un effetto particolare: “Sicuramente ci sarà un po’ di emozione. Ce l’avevo già quando venivo al XXI Settembre da avversario. Arrivare in quello stadio e salire le scale che portano al terreno di gioco, porta sempre una grande emozione. Poi, farlo da allenatore dei biancoazzurri porta sempre un’emozione diversa. L’entusiasmo? Sicuramente fa piacere che il mio arrivo abbia risvegliato l’ambiente, però, non deve essere questo il motivo. La cosa importante è che i ragazzi con prestazioni e risultati riescano a riportare sempre più tifosi allo stadio. Questa è la cosa che mi auguro”.

Difficile prevedere cambiamenti imminenti: “La squadra è stata costruita con il 3-5-2, quindi non si può fare altrimenti. Ci sono altre soluzioni che devo cercare di adattare con il tempo. I giocatori sono abituati a questo modulo, perché non sono abituati a fare altro. In più, ci sono giocatori che sono fuori per infortunio. Dunque, è impossibile fare cose diverse oggi. Il Casarano? È una grande squadra. Conosco tre-quattro giocatori che ho allenato in passato. Hanno un ottimo organico. Hanno allestito una squadra per vincere il campionato”, conclude Ciullo.