MateraGrumentum - Il rebus è sulla costruzione della squadra: chi farà il "nuovo Matera" ora?

Scritto da Roberto Chito  | 
Pace, Mastroberti e Finamore, FOTO: MATERASPORT24.IT

L’allenatore è stato confermato da diverso tempo, ma per quanto riguarda la direzione sportiva tutto tace. E nel calcio si sa, è il direttore sportivo a scegliere l’allenatore e ad individuare i giocatori da acquistare. O meglio, questo accade a grandi linee nel mondo del calcio. A volte, però, ci sono direttori sportivi che si trovano a lavorare con allenatori già in carica. A volte può andare bene, altre meno. Nelle ultime ore, con la volontà del direttore sportivo Angelo Mastroberti di disimpegnarsi dopo il silenzio del presidente Petraglia, ci troviamo di fronte ad un grande rebus.

Cosa accadrà adesso? Perché da quanto filtra in casa biancoazzurra, in questo momento si sta cercando di lavorare alla cosiddetta piattaforma finanziaria che il presidente Petraglia ha evocato diverse volte. Il problema è che i contatti con sponsor e presunti imprenditori interessati ad entrare in società non possono proseguire a lungo, considerando che siamo a giugno e che la nuova stagione è ormai alle porte. Sicuramente il gap fra Serie D ed Eccellenza è abbastanza alto. Bisogna partire con una programmazione, cercando di individuare i giocatori, soprattutto gli under. Quantomeno cominciare a lavorare sottotraccia in questo momento.

Al momento con il disimpegno del direttore sportivo Mastroberti e con la situazione di Antony Pace in stand-by ma sicuramente collegata al primo, c’è il solo tecnico Antonio Finamore certo di restare sulla panchina biancoazzurra. E la squadra per la stagione 2022-23 chi sarà a costruirla? Un aspetto che il presidente Antonio Petraglia dovrà chiarire il prima possibile a prescindere dalla famosa piattaforma finanziaria perché a prescindere il club biancoazzurro disputerà il torneo di quarta serie.