Il tecnico Lorenzo Nitti, FOTO: FONTE WEB
Le Parole

Cmb Matera - Nitti a MS24: "Vogliamo andare a Rimini. Cammino? Fatto ancora niente"

Roberto Chito Roberto Chito
25.03.2021 18:02

"Quella di domani è una finale. È come tutte le finali la differenza la faranno i dettagli. Sarà una partita intensa, molto dispendiosa. Alla fine, la spunterà chi saprà restare nella partita per tutti i quaranta minuti, oltre a chi sbaglierà di meno". Sono le parole di Lorenzo Nitti, tecnico del Cmb Matera che a MateraSport24.it analizza il momento dei biancoazzurri, alla vigilia del match di Catania dove contro la Meta i materani si giocano l’accesso alle final eight di Coppa Italia in programma a Rimini il prossimo mese.

SULL’IMPORTANZA - "La Coppa Italia è un obiettivo molto prestigioso. Si tratta di un traguardo molto importante per noi per completare il percorso di crescita che sta facendo questo club. Essere in final-eight vorrebbe dire entrare nell’élite del futsal italiano. Il Cmb Matera merita di esserci. Per questo, faremo di tutto per raggiungere questo obiettivo per poter andare a Rimini sotto le luci dei riflettori della manifestazione più bella del futsal italiano. Ovviamente, se riusciremo, andremo lì per non essere dei semplici partecipanti.

SUGLI AVVERSARI - "La Meta Catania è una squadra fortissima, preparata molto bene da Samperi. Allo stesso tempo è una squadra a due facce. In trasferta hanno faticato tantissimo quest’anno. In casa loro, invece, sono imbattibili. Hanno perso solo una partita a fine ottobre. Dunque, non perdono in casa da cinque mesi. Però, era un’altra squadra rispetto a quella di oggi. Sicuramente sarà una partita complessa. Questo, però, non ci fa paura. Anzi, ci dà ulteriori stimoli".

SUL MOMENTO - "Stiamo bene. Finalmente ci siamo allenati più o meno al completo, perché purtroppo manca Galliani. Però, il resto dei giocatori stanno tutti bene. Ovviamente dovrò fare una scelta perché uno dei giocatori stranieri dovrà andare in tribuna come successo settimana scorsa contro il Real San Giuseppe. Sarà una scelta difficile perché i ragazzi si sono allenati tutti quanti bene".

SUL FINALE - "La fase decisiva della stagione è cominciata già da tempo. Siamo semplicemente nel rush finale. Domani abbiamo una finale: chi vince va avanti, chi perde torna a casa. Noi ci arriviamo bene anche se non dobbiamo dimenticarci della stanchezza. Però, abbiamo tante motivazioni per poter far bene domani".

SUI TRAGUARDI - "Senza dubbio è stato un anno molto importante per me. Dopo la bella esperienza a Latina da primo allenatore, interrotta anzitempo dal lockdown della passata stagione. Quest’anno ho avuto l’opportunità di lavorare da inizio anno con un’ottima squadra allestita insieme al direttore sportivo Pascale. La società ha accontentato tutte le mie richieste in sede di mercato. Sono felicissimo per tutto quello che la squadra ha messo nel campo fino ad oggi. I ragazzi hanno dimostrato di saper giocare un bel futsal. Ce la siamo giocata con tutti finora. Ringrazio il mio staff e i giocatori che si sono messi a disposizione dal primo giorno. Quello che fa la differenza per un allenatore, al netto di tutte le prestazioni, sono i risultati. Dunque, è troppo presto fare bilanci in questo momento. Dobbiamo farli a fine stagione".

SULLA COPPA ITALIA - "Su questa nuova formula non sono pienamente d’accordo. È più giusto che entrino le prime otto al termine del girone d’andata. Però, è anche vero che quest’anno ci sono stati errori organizzativi. Al netto di tutte le problematiche, bisognava fare in modo che il girone d’andata finisse per tempo perché la classifica del girone d’andata è stata stilata poco fa, con il mercato aperto. Questo, falsa un po’ le cose. Al di là di tutto questo, sia stato giusto organizzare in questo modo perché la cosa sarebbe stata molto difficile. Spero che dalla prossima stagione si torni alla formula classica, perché è quella più giusta è più corretta".

Il retroscena - Grumentum, Petraglia le ha provate tutte. La cronaca dell'ultima settimana
Coop Master Matera - Troppo Grottaglie per i biancoazzurri: arriva il secondo ko ma buoni segnali. La cronaca
Roberto Chito
Giornalista pubblicista dal 2016. Direttore responsabile di MateraSport24.it, sito d'informazione sullo sport materano con notizie in tempo reale e sempre aggiornate