Il ricordo di Renato Carpentieri, FOTO: SANDRO VEGLIA
Il Tema

Il ricordo - "Renato sempre presente": il XXI Settembre ricorda il giornalista ad otto anni dalla morte

Una data che sarà ricordata per sempre da tutti. Perché da quel 6 febbraio 2014 ha lasciato un grande vuoto in tutti noi. Otto anni senza di lui sono davvero troppi. Un tempo lungo, troppo. Il ricordo di Renato Carpentieri, giornalista materano, è sempre vivo. E ieri pomeriggio, prima della partita contro il Montescaglioso la società biancoazzurra lo ha ricordato nel giorno del suo ottavo anniversario di morte.

A pochi metri dove Renato morì e dove è presenta una targa celebrativa, la società biancoazzurra ha posto un mazzo di fiori sotto lo striscione di ricordo. Erano presenti il portiere Silvio Salerno, il direttore sportivo Angelo Mastroberti e il dirigente Michele Cinnella. Un lungo applauso dei tifosi materani ha ricordato Renato Carpentieri prima della partita e durante l’intervallo quando il mazzo di fiori posto sotto lo striscione è stato donato alla moglie Fulvia e ai figli, presenti allo stadio.

Un ricordo immenso di un giornalista che sapeva coniugare al meglio la propria professione con la passione per i colori biancoazzurri. Un esempio per tutti coloro che sono cresciuti con lui, oltre che nati professionalmente. Otto anni sono passati da quando ci ha lasciati ma nessuno potrà mai abituarsi alla sua assenza.

MateraGrumentum - Segna Martinez e manda ko il Montescglioso: rivivi le emozioni del match
L'opinione - Nel giorno del ricordo di Renato i biancoazzurri sprintano verso una nuova rinascita materana
Roberto Chito
Giornalista pubblicista dal 2016. Direttore responsabile di MateraSport24.it, sito d'informazione sullo sport materano con notizie in tempo reale e sempre aggiornate