Fc Matera - Bolzan a MS24.it: "Sarà una squadra competitiva nel rispetto del budget. Finamore? C'è sintonia fra noi"

Scritto da Roberto Chito  | 
Il ds Riccardo Bolzan, FOTO: FONTE WEB

"Magari l’essere partiti a metà luglio ci ha un po’ penalizzati rispetto a partire a giugno, per il semplice fatto che alcune prime scelte sono sfumate. Nonostante ciò, ci siamo subito messi al lavoro per poter allestire un buonissimo Matera in grado di disputare una Serie D di tutto rispetto. Vi posso garantire che chi vi parla non dorme la notte per poter chiudere delle trattative. Dunque, non devono ingannare le poche ufficialità di questi giorni perché a breve ce ne saranno altre". Parole chiare quelle del direttore sportivo Riccardo Bolzan che a MateraSport24.it fa il primo punto della situazione sul mercato biancoazzurro e sull’identità che avrà la squadra in questa stagione.

"I primi contatti con il Matera ci sono stati a giugno. Ero in una lista di persone che il presidente Petraglia stava valutando attentamente. Probabilmente non voleva sbagliare, per questo si è preso più tempo a disposizione. Quando mi ha chiamato per affidarmi l’incarico sono stato felice. Contento di far parte di una grande piazza come quella di Matera. Non ci ho pensato due volte ad accettare, nonostante eravamo ormai ad inizio luglio e magari le scelte sul mercato non potevano essere così tante come qualche settimana prima. Come sempre, come in ogni avventura ci metto tutto me stesso e soprattutto tutto l’entusiasmo che ho. La Città? La conoscevo già. Sia come turista, sia come avversario. Perché contro il Matera ci ho giocato con Taranto, Nocerina e più recentemente con la Paganese. Invece, non c’è stata mai una vera trattativa per vestire la maglia biancoazzurra. Nell’estate 2014, ci furono solamente dei sondaggi. E finì tutto sul nascere", continua il neo ds dei biancoazzurri.

Neanche il tempo di arrivare che Bolzan si è subito dovuto tuffare sul mercato: "La squadra questa mattina ha acceso i motori. Fra nuove ufficializzazioni e perfezionamento di alcuni tesseramenti credo che nel breve termine avremo un gruppo di 20-22 giocatori. Non abbiamo ufficializzato i convocati proprio per queste ragioni. Alcuni, poi, sono in prova. La cosa importante, in questo momento sono gli under. Da loro, ovviamente dipendono le scelte da fare sugli over. Nonostante il ritardo stiamo comunque lavorando bene. È importante non perdere di vista il budget che ha messo a disposizione il presidente. So cosa rappresenta il Football Club Matera per i tifosi. È il discorso che faccio ad ogni giocatore prima che firmi. Il passato? Le avventure di Nocera Inferiore e Carpi mi hanno dato quel bagaglio in più in termini di esperienza da mettere al servizio dei biancoazzurri. Oggi sicuramente qualcosa in più rispetto a due anni fa".

Bolzan arriva a Matera e si trova Finamore in panchina: un problema? Il ds è chiaro: "Assolutamente no. Con il mister siamo in piena simbiosi. Sapevo bene di questa situazione, già a giugno quando c’erano stati i primi sondaggi. E non è la prima volta che capita. Mi sono subito messo a disposizione per poter dare a Finamore il massimo a disposizione, rispetto ovviamente quello che è il budget. Il modulo? Ovviamente la squadra la stiamo costruendo su un preciso impianto tattico. Stiamo lavorando su un 3-5-2 o 3-4-3. So bene che il mister l’anno scorso ha lavorato con un altro impianto di gioco. Però, abbiamo analizzato al meglio la situazione in Serie D e siamo arrivati a questa scelta. Poi, si potrà variare. Stiamo scegliendo giocatori duttili che possano permettere al mister di cambiare soluzioni".

Matera che si appresta a disputare il Girone H, torneo che Bolzan conosce bene avendolo fatto con la Nocerina: "La variabile sono sicuramente le campane. Da capire quante e quali saranno inserite. Però, guardando come si stanno muovendo le pugliesi, questo Girone ha tutto per essere un torneo infernale. La differenza la fanno sempre competitività e campanilismi. Ci sono giocatori molto importanti e squadre che cercano sempre di ottenere il massimo. Poi, non sempre chi spende di più, alla fine vince. La differenza fra lottare per i play off e rischiare di trovarti invischiato nella lotta salvezza è davvero sottile".

Alla luce di tutto questo, che campionato dobbiamo aspettarci dal Matera? Bolzan è chiaro: "Non voglio frenare gli entusiasmi della piazza e degli appassionati. Noi, però, dobbiamo tenere i piedi ben piantati per terra. A me non piacciono i proclami. Matera torna in Serie D dopo diversi anni e ritrova una categoria molto più livellata verso l’altro rispetto a quando ha vinto l’ultimo campionato. Non parlo di obiettivi. Io sono venuto qui con il massimo delle motivazioni e lavoro per poter allestire una squadra il più competitiva possibile a seconda del budget a disposizione".