Il presidente Antonio Petraglia, FOTO: SANDRO VEGLIA
Le Parole

MateraGrumentum - Petraglia: "C'è un percorso da seguire, ora il primo passo. Serie D? Ecco cosa faremo"

"Sul nome, per una ragione di regolamento, non posso sbilanciarmi. Però, è chiaro che giocando a Matera anche il prossimo anno, c’è una prassi per cui la Federazione non permette per molto tempo il nome composto. Sicuramente da questo punto di vista succederà qualcosa". Sono le parole del presidente Antonio Petraglia che ai colleghi di SerieD24.com ha fatto il punto della situazione in casa biancoazzurra in vista del futuro biancoazzurro e del ritorno in quarta serie dopo diversi anni.

"C’è un percorso, un cammino che stiamo facendo. Il primo passo sarà quello della Serie e cercheremo, come prima stagione di disputare un torneo all’altezza della città. Non dico che dobbiamo vincerlo, ma cercheremo di fare bella figura. Matera è una piazza per cui non si può disputare un campionato per salvarsi. Cercheremo di disputare un torneo dignitoso, costruendo una buona squadra per un cammino fruttuoso. Adesso dobbiamo pensare alla Serie D. La città di Matera che comprende tifosi e mondo imprenditoriale è chiamata a salire a bordo di questo progetto perché anche noi abbiamo bisogno della Città dei Sassi per costruire un progetto ambizioso", continua il massimo dirigente dei biancoazzurri su quello che sarà il nuovo corso.

In Serie D, a distanza di due stagioni, per Petraglia dal punto di vista personale è solamente un ritorno: "Avevamo sperimentato la Serie D più difficile di sempre. C’erano Foggia, Taranto, il Cerignola della famiglia Grieco che fece una squadra probabilmente più forte di quella attuale. A queste si aggiungevano il Bitonto che aveva vinto il campionato con una signora squadra e il Casarano che non è quello di quest’anno. Già abbiamo sperimentato un gran torneo e il Girone H ha sempre espresso un calcio di un certo livello. Adesso, però, è chiaro che dobbiamo farci trovare pronti".

L’epilogo però è stato molto indigesto all’avvocato romano che ritorna su quei fatti: "Fu un provvedimento assolutamente ingiusto e anti sportivo che cristallizzò le classifiche e fece retrocedere alcune squadre. Ero rappresentante di una cordata composta da più di trenta società. Su un provvedimento vergognoso quello della Figc. L’Italia si è distinta in modo negativo e sono arrivate retrocessioni a causa del Covid, senza giocare. Mancavano ancora otto partite".

MateraGrumentum che viene da un’annata incredibile sulla quale Petraglia chiosa: "Quest’anno abbiamo fatto il massimo. Abbiamo vinto un campionato con una squadra che ha polverizzato tutti i record possibili ed immaginabili in Eccellenza. Abbiamo ridato alla Città di Matera un titolo più o meno consono al suo blasone. È chiaro che questo è l’inizio di un percorso che ci porti davvero lontano".

Psa Matera - I biancoazzurri si illudono nel primo set: poi Modugno trova la rimonta. Primo ko di questi play off
Virtus Matera - Parte il girone di ritorno: contro Brindisi per confermarsi e mettere in cassaforte il secondo posto. Le ultime
Roberto Chito
Giornalista pubblicista dal 2016. Direttore responsabile di MateraSport24.it, sito d'informazione sullo sport materano con notizie in tempo reale e sempre aggiornate