Virtus Matera - Si parte col botto nella Poule Promozione: i biancoazzurri battono Brindisi e firmano l'aggancio. La cronaca

Scritto da Redazione MateraSport24.it  | 
L'esultanza dei biancoazzurri, FOTO: FONTE WEB

Meglio di così non si poteva cominciare. La Virtus Matera parte con il piede giusto nella prima giornata di Poule Promozione battendo per 91-70 l’Invicta Brindisi che si arrende sotto i 25 punti di Pesic, i 22 di Besons e i 15 di Stano. Una prova maiuscola da parte della squadra di Conterosito che in questo modo aggancia i pugliesi al secondo posto, mettendo un mattoncino davvero importante per questa post-season.

Primo quarto equilibrato con la Virtus Matera e l’Invicta Brindisi che rispondono colpo su colpo. Alla fine, però, i biancoazzurri riescono a chiudere sul più: 23-20 alla fine del primo quarto. Secondi 10 minuti nei quali i ragazzi di Conterosito riescono a trovare la svolta al match: allungano con un importante più dieci all’intervallo lungo, nonostante l’Invicta Brindisi prova rispondere colpo su colpo. È 47-37 a metà partita. Ripresa che vede i pugliesi provare il tutto per tutto per tornare prepotentemente in partita. Brindisini che recuperano cinque punti alla squadra di Conterosito che comunque chiude sul 63-58.

L’ultimo tempo, è quello del definitivo allungo. Lì, i biancoazzurri, grazie alla grande prestazione dei tre maggiori realizzatori di giornata, riescono a chiudere sul parziale di 28-12, firmando un 91-70 con un più ventuno finale. Un primo match che non poteva cominciare in maniera miglior per la squadra biancoazzurra che porta a casa due punti davvero preziosi.

   

IL TABELLINO

VIRTUS MATERA-INVICTA BRINDISI 91-70

PARZIALI: 23-20, 24-17, 16-21, 28-12

VIRTUS MATERA: Nuzzi 0, D’Ercole 8, Castoro 7, Spada 0, Cifarelli 0, Paternoster 0, Suraci 7, Pesic 25, Alecci 4, Stano 15, Besons 22, De Mola 3. Allenatore: Conterosito.

INVICTA BRINDISI: Botrugno 7, Casone 0, Cobianchi 7, Dario 9, De Giorgi 6, Fusco A. 5, Fusco S. 0, Leo 20, Manfredi 1, Rizzo 2, Roma 0, Stano 13. Allenatore: Pacella.

ARBITRI: Anselmi di Ruvo di Puglia e Celone di Monopoli.