Matera - Serie D solo sulla carta: il prossimo campionato ha il sapore della vecchia Serie C2

Scritto da Roberto Chito  | 
La squadra biancoazzurra, FOTO: SANDRO VEGLIA

Qualcuno ha sempre la nostalgia della Serie C, ma a guardare la prossima Serie D si comprende come sarà un campionato di livello assoluto. Nulla a che fare con il dilettantismo della quarta serie che da diverse stagioni ha il sapore di una vera e propria Serie C2. Dunque, dall’Eccellenza alla Serie D il salto sarà importante, sotto tutti i punti di vista. Il Matera si troverà in un torneo davvero intenso qual è il Girone H. Un raggruppamento di grande fascino con tante piazze che in questi anni hanno provato il salto di categoria. Con la chiusura dei play off di Eccellenza che hanno visto trionfare Angri e Martina si è di fatto chiusa la stagione 2021-22.

Adesso, i fari sono tutti orientati verso la prossima. Del prossimo Girone H cosa c’è di certo? Al momento nulla, perché dobbiamo ancora assistere alla fase delle iscrizioni, dei ricorsi e dei possibili ripescaggi. Al momento, però, possiamo dire che le squadre certe di esserci sono ben 13. A queste, bisogna aggiungere 5 o 7 campane, da capire se poi il Girone sarà da 18 o da 20 squadre. Ma andiamo con ordine. La Puglia quest’anno ha perso piazze come Cerignola promossa in Serie C e Bisceglie e Virtus Matino, retrocesse in Eccellenze. Però, ritrova Barletta e Martina che si sono date battaglia. Queste si aggiungono alle otto già presenti ai nastri di partenza: Bitonto, Brindisi, Casarano, Fasano, Gravina, Molfetta, Nardò e Team Altamura. Piazze che oltre al Matera, al Francavilla e al Lavello che rappresentano la Basilicata si andranno ad aggiungere ad alcune campane. Saranno 5 o 7, a seconda del numero delle partecipanti. Nell’ultima stagione hanno preso parte Nocerina, Casertana, Sorrento, Nola e Mariglianese.

Ogni anno, però, ruotano i tre Gironi, dunque alcune partecipanti potrebbero cambiare. Le prime tre, però, hanno già annunciato che partiranno con obiettivi ambiziosi e per vincere il campionato. A queste, dobbiamo aggiungere anche la Cavese che quest’anno si è trovata nel Girone I. In tutto, le campane sono 15 e vanno suddivise fra i tre gruppi meridionali. Da non dimenticare però, altre piazze. Solamente attorno a Ferragosto, però, si avrà il quadro definitivo. In ogni caso, il Matera sa bene cosa deve aspettarsi. Una Serie D che di Serie D non ha davvero nulla con i biancoazzurri che partono per disputare un torneo tranquillo ma che hanno voglia di dire la loro.