MateraGrumentum - Finamore: "Latronico ostico, pronti al match. Gli under? Avuto ottime risposte"

Scritto da Roberto Chito  | 
Il tecnico Antonio Battilomo, FOTO: SANDRO VEGLIA

"Nessuna partita è scontata in questo campionato. Tutti possono trarre energie positive per disputare partite di cartello. Per loro sicuramente lo è. Mi aspetto una squadra particolarmente combattiva. La storia di quella società ce lo insegna: non è mai stato facile andare a giocare lì". Sono le parole del tecnico Antonio Finamore che in conferenza stampa ha fatto il punto della situazione alla vigilia della sfida di Latronico di domani pomeriggio.

SUL LATRONICO: “Sarà un avversario combattivo che farà della corsa e dell’intensità la sua migliore arma. Cercheranno in tutti i modi di limitare le nostre qualità. Noi, però, dobbiamo essere pronti. Questo è un campionato dove le nostre partite sarà quasi tutte così”.

SULLE SOLUZIONI: “Sicuramente il centrocampo a tre è funzionale per una serie di cose. Sia per l’avversario che per il tipo di partita che vogliamo fare. L’avevamo già utilizzato sia in campionato che in Coppa Italia a partita in corso. Abbiamo interpreti che possono farlo bene. Non ci toglie nulla dal punto di vista della qualità. Dunque, in base alla partita che andremo a fare e come la vogliamo impostare, il centrocampo a tre può essere una soluzione”.

SULLE DUE SFIDE: “È stata una settimana molto probante. Abbiamo disputato due partite di altissima intensità, tra l’altro entrambe sotto la pioggia. È stato richiesto alla squadra un grande dispendio di energie. Devo sottolineare una cosa. Una volta che ci siamo trovati di fronte a questo tipo di partite, è venuta fuori l’anima della squadra. Tutti si sono sacrificati. Sono indicazioni importanti, perché sappiamo tirarci su le maniche e calarci anche in questo tipo di partite”.

SUGLI UNDER: “Ho avuto una gran risposta da Storsillo e da Tisti. I ragazzi stanno crescendo molto bene. Lavorano uguale agli altri e sono tutti allo stesso piano. Diamo loro il giusto tempo di maturare e affrontare con più serenità le partite. Cerchiamo di farli crescere senza esagerare. Perché magari in una piazza importante come Matera c’è questo rischio. Diamo loro il giusto tempo. Però, dopo questi primi mesi di lavoro c’è stata una grande crescita da parte di tutti. Prevedo che anche altri under possano crescere nei prossimi mesi”.