La pensiamo così - Fc Matera, club sempre chiaro e trasparente. Adesso tocca alla Città fare la sua parte

Scritto da Roberto Chito  | 
I tifosi biancoazzurri, FOTO: SANDRO VEGLIA

Un concetto ribadito ancora una volta. È l’ennesima. Però, quando si tratta di chiarezza e trasparenza, il presidente Antonio Petraglia non si è mai sottratto a questo tipo di domande. E la conferenza stampa di ieri, è stato l’appuntamento giusto per poter chiarire alcuni aspetti. Anche alla presenza di alcuni tifosi che magari proprio dal massimo dirigente biancoazzurro volevano alcune rassicurazioni. Il progetto è importante con una copertura finanziaria che si fa carico anche nel caso in cui non ci dovessero essere entrate. 

Insomma, malauguratamente, anche se abbonamenti e sponsor, il Matera ha la copertura per arrivare all’ultima giornata di campionato senza problemi. Ovviamente, si parte in questo modo, considerando sempre le entrate zero. Sicuramente non sarà così. Perché un buon numero di abbonamenti si spera di ottenerli, così anche come alcuni partner commerciali che potranno campeggiare sui tabelloni pubblicitari dello stadio XXI Settembre-Franco Salerno e sulla maglia dei biancoazzurri. Per questo, adesso ognuno è chiamato a fare la propria parte. Perché la società ha messo in piedi la squadra che avrà il compito di ben figurare in un campionato comunque difficile. Di obiettivi non se né voluto parlare. Un po’ per evitare di creare facili entusiasmi, un po’ perché la rosa deve essere ancora completata.

Sicuramente, considerando le precedenti due stagioni marcate Petraglia, sarà un Matera che in campo esprimerà un buon calcio, cercando di far divertire. Dunque, chi pensa di vedere lo stesso ruolino di marcia avuto in Eccellenza, è meglio che faccia subito i conti con la realtà. Anche perché, in queste ultime stagioni abbiamo visto club partire a razzo per poi essere costretti a tirare i remi in barca. Una Serie D probante, alla quale la città deve farsi trovare pronta. Serve un XXI Settembre-Franco Salerno sicuramente gremito di gente in modo da poter sostenere la squadra di Finamore e riabbracciare il ritorno dei biancoazzurri in un campionato nazionale dopo il fallimento del 14 febbraio 2019. Una nuova era che deve far dimenticare il passato.

Dal quartier generale biancoazzurro sono arrivati messaggi importanti in questo senso. In verità, è dall’estate 2020 che Petraglia ribadisce sempre gli stessi concetti. Finora i fatti hanno dato ragione al massimo dirigente biancoazzurro. Quello che c’era da dimostrare è stato dimostrato. E siamo sicuri che lo continuerà a dimostrare anche nei prossimi mesi. Adesso, però, è giusto che la propria parte cominci a farla anche la Città dei Sassi. Dopo aver vinto il campionato e riportato la denominazione storica è arrivato il momento di dare fiducia al nuovo corso biancoazzurro, soprattutto dopo alcuni segnali importanti in questo senso.