Finamore e la squadra biancoazzurra, FOTO: FEDERICO LONGO
Il Tema

MateraGrumentum - "Rendete ad Antonio ciò che è di Antonio": Finamore, ecco il mister silenzioso

Si è sempre detto fiducioso. Ha sempre detto che serviva tempo. Non ha mai perso la pazienza, guardando sempre avanti e vedendo una crescita che molti non vedevano. E poi, ci sono i numeri che parlano per lui. Il lavoro, a volte scomodo di un allenatore sta proprio in questo. Storicamente si è dipendente dai risultati. E se questi non arrivano, il destino è segnato. Il compito di Antonio Finamore in quel di Matera non è proprio semplice.

Il tecnico romano ha dovuto fare i conti dal primo momento con attese, a volte anche sopra misura, solamente perché si parlava di una piazza storica che non meritava l’attuale categoria. Su questo tutti d’accordo, anche lo stesso Finamore. Solo che i campionati sono sempre difficili e nessuno ti regala niente. Se poi porti il nome "Matera", tutti vogliono fare la partita della domenica per avere un po’ di riscontro mediatico e magari per ricordarsi per tanto tempo la giornata. Finamore, che in estate ha avuto qualche corteggiamento da club di Serie D ha accettato di restare nuovamente alla corte del presidente Petraglia. Ha cominciato due campionati, non ne ha finito uno. Purtroppo, il Covid si è messo di mezzo. Prima una salvezza in Serie D che ad otto giornate dalla fine era lì. Poi, si è visto interrompere un campionato appena cominciato.

Si dice che la terza volta è quella buona. E al momento è proprio così. Gli sono state date in mano le chiavi della macchina biancoazzurra e finora la sta portando verso il traguardo nel migliore dei modi. Primo posto in campionato a più otto sulla seconda dopo la seconda giornata di ritorno. Ben 46 punti totalizzati, frutto di 15 vittorie e un solo pareggio e una sconfitta. Squadra imbattuta da ben 14 partite con 10 vittorie consecutive prima del pareggio di Rionero in Vulture. Quella biancoazzurra è stata una vera e propria macchina da gol con ben nove vittorie larghe, dove spiccano il 7-0 al Moliterno e il 5-0 al VeLa. Una differenza reti che dice più 40, grazie alle 58 reti realizzate e alle 18 subite. Una squadra che ha fatto del gioco offensivo il proprio marchio di fabbrica fin dalla prima giornata.

Un gioco che pian piano è diventato sempre più piacevole, fino ad entusiasmare i tifosi materani. Una squadra che è andata spesse volte in svantaggio ma che ha sempre saputo rialzarsi. E poi, fattore importante: le vittorie sporche. Quando Falco e compagni non sono riusciti a giocare palla a terra per andare in rete con le loro giocate lo hanno fatto in un altro modo. Si sono adattati ad avversari rognosi e terreni di gioco al limite del praticabile. Finamore ha plasmato una squadra che ha tutto per ambire al centro classifica in Serie D in una di Eccellenza, dove spesse volte tecnica e bel gioco non sempre riescono. Per questo, bisogna dare i meriti ad un allenatore che ad inizio stagione era finito un po’ nell’occhio della critica dei tifosi materani.

Dal gioco alla troppa pacatezza in panchina. Insomma, per Finamore ci sono state diverse critiche. L’allenatore biancoazzurro, invece, con il suo modo di fare continua a guardare avanti. Ha formato un gruppo che a prescindere dagli undici che vanno in campo portano il peso di rappresentare la squadra della Città dei Sassi per riportarla fuori dall’inferno del calcio regionale. Sempre tranquillo e mite ma sicuro del lavoro che è stato fatto. Fin dalle prime partite ha sempre difeso la squadra vedendo una crescita che tentennava ad arrivare.

Fino all’esplosione definitiva. Questo MateraGrumentum è diventato una macchina da gol. E soprattutto una squadra che gioca un bel calcio, cosa che in Eccellenza non si vede quasi mai. E tutto questo è merito di Antonio Finamore che grazie al super successo di Melfi ha messo un ulteriore passo avanti sugli avversari per raggiungere quel traguardo chiaro da inizio stagione.

MateraGrumentum - Ufficiale: col Montescaglioso è Giornata Biancoazzurra. C'è una piacevole novità
Hockey Pattinaggio Matera - Altro weekend di riposo "forzato". Tra Covid e recuperi, i biancoazzurri tornano in pista a metà febbraio
Roberto Chito
Giornalista pubblicista dal 2016. Direttore responsabile di MateraSport24.it, sito d'informazione sullo sport materano con notizie in tempo reale e sempre aggiornate