MateraGrumentum - Una vittoria sotto il segno del bel gioco: ma in Eccellenza non può essere una costante

Scritto da Roberto Chito  | 
L'esultanza dei biancoazzurri, FOTO: SANDRO VEGLIA

Magari tutti vorremmo assistere ad una partita così. Un cinque a zero che non lascia spazio a commenti o recriminazioni. Una prestazione davvero sontuosa da parte della squadra biancoazzurra che ha praticamente dominato per tutti i 90 minuti. Sarebbe bello ogni domenica così. Sì, però il calcio è un’altra cosa. Perché non sempre si può vincere in questo modo. Oltre al risultato, si guarda la prestazione e le belle giocate che si sono viste al meglio. Tutto troppo bello, troppo facile.

Però, il presente dice che il MateraGrumentum è in Eccellenza e in questa categoria ci sono partite diverse da quella di ieri. E anche in queste, bisogna vincere. Magari, con modalità diverse. A volte bisogna anche giocare palla lunga, andando a pescare l’attaccante, pronto a far sponda. A volte, bisogna fare anche questo. Perché in queste categorie, l’essere troppo belli non sempre paga. Ovviamente, quando si ha la possibilità, visto il potenziale del MateraGrumentum, è sempre bella sfruttarla. Però, quando non la si ha questa chance, bisogna attuare un altro piano. Si chiama adattamento alla categoria. Una parola che questa squadra è riuscita a far sua, snaturando il proprio modo di giocatore, dando la sensazione di essere una squadra brutta. A volte, ci sta anche questo. Dunque, in un campionato tutto fa "brodo", come si suol dire. Però, la prestazione contro il VeLa è stata la migliore finora disputata in campionato.

Non che le altre non lo fossero stare. Una prova maiuscola che ha visto i biancoazzurri imporre da subito il proprio modo di giocare. Entrati in campo con la giusta consapevolezza nei propri mezzi, hanno subito trovato belle giocate che hanno strappato gli applausi dei circa trecento tifosi materani. Una squadra che ha continuato a giocare, non dando al VeLa la possibilità di contro-replicare. Non dimentichiamoci che l’avversario dei biancoazzurri di ieri, solamente poche settimane fa ha battuto il Melfi. Dunque, il discorso di quando si vince 1-0 o 2-1 il MeteraGrumentum ha una squadra "sopravvalutata", e quando magari ci sono goleade come quelle di ieri gli avversari sono "scarsi" non regge.

Bisogna darei i meriti ad una squadra che è ormai arrivata alla quinta vittoria consecutiva e da ieri guida la classifica. Sembrano dettagli ma sono numeri importanti che possono fare la differenza in una stagione. Perché all’obiettivo finale si arriva con tre punti a domenica. E ogni tanto, quando si può, è anche bello godersi goleade e belle giocate. Con la consapevolezza che queste non possono essere l’abitudine. L’Eccellenza è una realtà ben diversa da quella che il popolo materano conosceva qualche anno fa. Da qui, però, bisogna guardare esclusivamente al presente.