Lacrime in Formula 1, tutti commossi quando lo hanno visto: è stato indimenticabile

Un gesto inaspettato, compiuto da uno dei protagonisti della Formula 1 ha commosso tutti. Ecco cosa è accaduto

La Formula 1 è uno sport che comporta certamente tanti rischi. Tutti i protagonisti ne sono consapevoli, ma difficilmente riuscirebbero a rinunciare all’adrenalina che si respira ogni volta che salgono in macchina e si mettono al volante. Non a caso, non sono in pochi a sentire la mancanza una volta che si ritrovano inevitabilmente a essere costretti a smettere.

gesto commovente pilota Formula 1
La Formula 1 sa regalare grandi emozioni – Foto: ANSA – Materasport24.it

Il legame che si instaura tra i colleghi, anche da avversari, resta anche per questo più forte, cosa che non può che valere anche per chi oggi non c’è più. Ed è per questo che tanti si sono commossi per un gesto inaspettato fatto da un pilota in pista.

Il gesto che ha commosso addetti ai lavori e appassionati che erano presenti sul posto o che hanno seguito la gara a casa è avvenuto a Imola. Si tratta certamente di una pista particolare, amata dagli italiani, ma che suscita sempre anche ricordi contrastanti, impossibile negarlo.

Qui ha infatti perso la vita ormai 30 anni fa Ayrton Senna, in un weekend che si è rivelato davvero tragico visto che solo due giorni prima era morto un altro pilota mentre si tenevano le prove, Roland Ratzenberger. Il dispiacere è stato ovviamente fortissimo per entrambi, nonostante la carriera del brasiliano sia stata più importante.

In occasione dell’ultima gara è stato Sebastian Vettel a scegliere di rendere omaggio ai due colleghi che ci hanno lasciato troppo presto. Il tedesco ha così preso una bandiera austriaca e una brasiliana, così da ricordare in modo semplice, ma emblematico entrambi nel circuito in cui hanno perso la vita.

Un gesto inaspettato e bellissimo di un pilota di Formula 1

L’ex ferrarista ha poi voluto fare quattro giri di pista a bordo della sua McLaren MP4/8 (guidata da Senna nel 1993) con tanto di casco e tuta commemorativi. Impossibile non lasciarsi andare alla commozione per tutti i presenti. Anche lui, come hanno notato tutti, si è commosso, segno evidente non solo di quanto anche lui sia legato ad Ayrton, ma anche di come ci sia la consapevolezza di essere tra i protagonisti di uno sport bellissimo ma impegnativo e pericoloso.

È stato poi lo stesso Vettel a sottolineare quanto questo gesto fosse importante per lui e quali emozioni gli ha suscitato: “Ricordare Ayrton e Roland è stato emozionante, è così bello vedere così tanta gente che ha provato gioia ed entusiasmo, quando ho tirato fuori le bandiere c’è stato un boato – ha detto a Sky Sport – Ho urlato i loro nomi sotto il casco, è stato speciale. Ayrton aveva la bandiera austriaca in macchina quel 1° maggio, penso che se guardiamo al cielo possiamo vederli entrambi. Ayrton e Roland, ma certamente Ayrton in particolare, erano due dei veri eroi di questo sport“.

Impostazioni privacy